+
Il difetto di conformità Home / Approfondimenti / Il difetto di conformità

Secondo il codice del consumo, il venditore professionista ha l’obbligo di consegnare all’acquirente consumatore un cavallo “conforme”. Cerchiamo di comprendere meglio questo termine un po’ enigmatico.

Un cavallo è conforme al contratto:

1. se è idoneo all’uso al quale è abitualmente destinato (per esemplificare, non è conforme il cavallo che abbia una zoppia intermittente o un’altra seria patologia);

2. se è conforme alla descrizione fatta dal venditore (per semplificare, non è conforme il cavallo che, presentato come docile e alla mano, riveli invece un animo irrequieto, risultando per ciò difficile e mal addestrato);

3. se presenta la qualità e le prestazioni abituali di un cavallo dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto del tipo di cavallo (per esemplificare, non è conforme il cavallo da passeggiata che abbia paura di uscire dal maneggio);

4. se, infine, è idoneo all’uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato comunicato espressamente al venditore (per esemplificare, non è conforme il cavallo avelignese venduto a un consumatore che abbia dichiarato di voler praticare concorsi di salto a ostacoli ad alti livello). In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto a esercitare le garanzie di conformità.